commento a "Un compleanno da ricordare" di Luigi Negri

 

di Eros Pedrini

 

 


Dicono che lei avesse mille nomi e che ognuno di noi ne conservi uno nel cuore.

Dicono che nelle foto lei non lasci traccia.

Dicono che ogni tanto torni a trovarci nel sogno.

Dicono.

Oggi i tasti del tuo pianoforte hanno suonato per molti.