alle (piccole) innovazioni per migliorare intraigiarùn

di Gabriele Villa



Beh, di certo il cambio della veste grafica di intraigiarùn non è stata poi una innovazione così piccola...
Però, effettivamente, per il lettore non è cambiato nulla, al di là degli aspetti grafici del sito.
E' cambiato parecchio, per contro, per chi sta dall'altra parte, cioè in redazione.
La spiegazione di questo cambiamento sta in due semplici versi dell'ultima zzirudèla pubblicata:

                    “Mi a pudrèv far un progràma che in du minut al fa tutt lu,
                     quel che vuàltar av vòl na sìra a fàr in du...”.


Il programma di aggiornamento realizzato da Roberto Belletti con il supporto di Monica Comani consente questo "salto di qualità", riduce cioè drasticamente il lavoro manuale (oltre ai margini di errore), svolgendosi automaticamente.
Questo risparmio di tempo che prima era dedicato all'aggiornamento manuale ha consentito di liberare energie verso altre modifiche (più o meno impegnative) per il miglioramento non solo visivo ma anche di fruizione del nostro sito.
Al momento è allo studio la possibilità di commentare da parte del lettore un racconto appena letto, con un invio automatico alla redazione per la valutazione e successiva pubblicazione on-line.

Intanto un piccolo "miglioramento" è stato già introdotto nei giorni scorsi e i più attenti se ne saranno di certo accorti, scorrendo l'elenco delle news.
Si tratta dell'introduzione di diversi colori per facilitare la ricerca di "notizie" di uguale tema, così le NOTIZIE vere e proprie le trovate di colore rosa, le RECENSIONI in verde, le CURIOSITA' color senape e le SPIGOLATURE in giallo, per contro gli avvisi di REDAZIONE sono rimasti bianchi, come il colore della pagina.
Lo spunto ci è venuto da una e-mail di Cristina Zamboni e da una sua spontanea osservazione:
" ...quanto sono belle le "spigolature" di intraigiarùn? A me piacciono talmente tanto che mi farei la sezione "spigolature", però quando vado a rileggerle dopo del tempo impazzisco a cercarle nelle news...".
Con il programma abbiamo potuto introdurre la modifica in automatico e realizzare il tutto in un'ora di lavoro, mentre con il manuale avremmo dovuto spulciare l'elenco di sei anni di pubblicazioni, un lavoro da certosini che avrebbe richiesto parecchie ore di attenta ricerca e di successiva modifica di tutti i file relativi.

Bene, tutto questo per ringraziare Cristina per il seppure involontario suggerimento e invitare i lettori a non avere timori di inviarci segnalazioni, osservazioni, critiche ed eventuali proposte di modifiche o aggiustamenti.