a "Casco?… No, no, proprio 'il Casco' ” di Mauro Loss

di Claudia Mattiauda


Bello e, a tratti, commovente!
Capisco perfettamente, Mauro, l'affezione che hai per il tuo Casco perchè io provo lo stesso sentimento per il mio Zaino. Oramai è consumato, scolorito, vecchiotto e quindi poco comodo rispetto agli zaini di ultima generazione, capienti ma allo stesso tempo poco voluminosi.
Il mio è ingombrante che a volte, a seconda di dove devo passare, è davvero scomodo.
Però è il mio Zaino e quando è sulle mie spalle diventa un tutt'uno con me e con me deve salire ovunque.
Qualche volta sono stata tentata di posarlo, magari per affrontare l'ultimo tratto di una salita impegnativa prima di arrivare su una cima quando, dopo tante ore di cammino la fatica si fa sentire e le spalle fanno male, ma non l'ho mai fatto!
Il mio Zaino parte con me e arriva alla meta con me.
E quando faccio ritorno a casa lo ripulisco e lo ripongo in un angolino della cantina, senza mai svuotarlo ... così è sempre pronto in qualsiasi momento io ne abbia bisogno!