commento al commento di Liviano Trevisan

di Eugenio Cipriani


Mi sembra che la pensiamo alla stessa maniera, ma ci esprimiamo con parole diverse.
Io sono per una maggiore educazione alla montagna e col mio lavoro mi sto adoperando in tal senso.
Non mi limito a dire "è colpa nostra".
Dico "Sì, è anche colpa nostra", ma aggiungo "cerchiamo però di migliorare".

E come?
Evitando per primo di sciare a tutti costi anche quando non c'è neve (proprio come ha scritto Liveràn) e cercando di far capire ai miei lettori (sono giornalista) che il valore aggiunto di una vacanza in montagna, neve o non neve,
è sempre e comunque la montagna (e quindi la Natura).

Dare genericamente la colpa a "noi stessi" la trovo retorica, vagamente demagogica.
Qualcosa non va, non ci piace o la riteniamo sbagliata?
Piangersi addosso e dire "tanto è così, viviamo in un mondo sbagliato" è qualunquistico.

Bene, diamoci da fare.