a "Ciaspolata tris, tra nebbia, vento e neve in arrivo" di Gabriele Villa

di Sandra Furini e Giordano Berti


Quando penso ai tre giorni trascorsi al rifugio Fedare, provo ancora tanta nostalgia.
Sono partita con tante paure, temendo di non riuscire a ciaspolare dopo mesi di forzata inattività e di condizionare così i programmi di chi ci ha proposto l'invito.

Invece, il luogo stupendo, il rifugio accogliente e soprattutto la compagnia e sensibilità di persone speciali, mi hanno dato la possibilità di superare la fatica della salita e di trovare tanta energia che neppure io immaginavo di avere.

Un grazie infinito a Gabriele che mi ha dato la possibilità di vivere questa meravigliosa esperienza.
Sandra


Quando Gabriele mi ha proposto questa escursione con le ciaspole sono stato felice e nel contempo preoccupato per Sandra, reduce da un problema di salute.
Queste perplessità sono fortunatamente venute meno nel vederla felice ed energica nell'affrontare già la prima ciaspolata del venerdì.

Condividendo tutto ciò che ha già scritto Sandra sulla bellezza del luogo, il clima del gruppo, senza dimenticare la buona cucina, aggiungo che è stata per noi un'occasione per approfondire la tecnica delle ciaspolate poiché da tempo non ne facevamo.

Grazie a tutto il gruppo.
Giordano