Sullo spigolo Bellavista alla Torre Bovental

di Alessandro Vitali


Con le scarpette nuove, le Sportiva Aragon, finalmente ho riscoperto il piacere di arrampicare.

Ritrovo alle ore 9:00 al bar del mio amico barista.
Meta: una via corta sulla Torre Bovental, propaggine del monte Cornetto, delle Piccole Dolomiti vicentine.
La via stata chiamata "Bellavista", ed di recente apertura.

Personalmente sono contento che si aprano ancora vie di stampo classico in montagna, di grado non impegnativo, con chiodi tradizionali e clessidre.
La roccia molto buona, solida e ruvida come non mi era mai capitato di trovare in Piccole Dolomiti.
Si tratta di una successione di pilastrini e di uno spigolo molto aereo, alternati da brevi cenge e terrazzini con un po' di vegetazione, come frequente nell'ambiente delle Piccole Dolomiti.
Da lontano, come si evince dalle foto, la via segue la linea verticale grigio chiaro e l'itinerario appare subito piuttosto logico. I passaggi sono sul 4 grado.

Sulla cima si trova il libro di vetta e una simpatica campanella dal suono cristallino.

Il mio amico barista, (si chiama Carlo) molto esperto e prudente e io, almeno mi sembra, gli ho fatto una buona impressione, a parte qualche acciacco fisico dovuto alla mancanza totale di allenamento.
Al secondo tiro di corda non riuscivo ad aprire bene le gambe per fare una spaccata e ho dovuto spezzare il passaggio in due tirando un po' di braccia.

Dopo la salita, a parte un po' di male a un ginocchio, direi che andata bene ed stata una buona giornata!


Alessandro Vitali
Sullo spigolo Bellavista alla Torre Bovental
Piccole Dolomiti, giugno 2021