Un fossile per amico

Go attaccato la parete co 'na certa diffidenza,
no poso nianca dir d'esere andato a lo sbaraglio
nÚ d'aver ceduto a 'na sorta d'imprudenza,

ma uscir da sto camino l'Ŕ certo un bel travaglio
che m'inzupa per benino la camicia de flanella
per vedere del'uscita appena appena 'no spiraglio.

Mentre serco un po' de polvere in fondo a la scarsella
co le mani che me sudano, bagnÓ da l'inquietudine,
guardo in alto, no vedo apigli e me vien la tremarella.

Me rilasso un pochetýn, dovrei averci l'abitudine,
guardo in basso e per distrarmi me rimiro el paesaggio;
ma me vien un gropo in gola per n'atac de solitudine!

Forsa Live, dai na mosa che no sei in pelegrinaggio,
c'avrai tempo n'altra volta per far el naturalista!
Guardo, serco, tasto, palpo ma no trovo no el passaggio.

Per sperare de trovarlo dovrei eser n'utopista...
Doso tuta la mia calma e provo a usar l'inteligenza
ma per stanar n'apiglio bono servirebbe n'esorcista!

Respiro a fondo, digo "Ommm..." e m'apelo a la pazienza
penso: ancora no son pronto per provare a decollar...
quando sento dele scarpete venir meno l'aderenza...

Maria Vergine, 'ndo me taco? GiÓ me sento de volar!
E i mie oci i se ferma proprio sora na fessura
da 'ndo par che na vosina la me tenta de ciamÓr.

Da tanta maraviglia me se sbloca la paura
mentre guardo la fessura posta soto do sass˛ni
da 'ndo un picol caparosolo guarda mi co n'aria dura.

Picol si, ma de ani ghe ne deve aver milioni,
me dise:" Paesan, spetavo che me guardasi almen da mez'ora bona!
Tanti i pasa a rampegar do a do come i cogioni

e anca tanti come ti che i viene su a la carlona...
Lagunar da peoci, meti un piŔ su chi do spuntoni,
pogia na man su de mi e date na spinta, Mona!"

Liviano Trevisan Liveran
Venezia, estate 2013