Emanuele Andreozzi     – Trento (TN)  

Siamo entrati in contatto con Emanuele attraverso i post fotografici che lui pubblica su Facebook, prima con le uscite di scialpinismo, dopo con le sue storie di arrampicata su roccia, su cascate di ghiaccio e sui ghiacciai.
Una conoscenza solo virtuale, almeno fino ad ora, dovuta sia alle montagne che lui frequenta in prevalenza, che allo spirito con il quale intraprende le sue realizzazioni.
Lasciamo a lui descriversi con le parole che ha usato per presentarsi sul suo sito internet. 

"Abito a Trento, ma sono nato a Palermo il 20 dicembre 1992, da mamma olandese e papà ... "locale", ho dunque la doppia cittadinanza, olandese ed italiana. Con la mia famiglia abbiamo vissuto lontani dal caos della città, nelle campagne vicino a San Martino delle Scale, un fresco paesino tra le montagne. Lontano dal mare, ma sopratutto da traffico e cemento, tra la natura e i suoi silenzi, ho potuto vivere un'infanzia lontana da certe tristi e note logiche dell'isola. Crescendo però era inevitabile che mi accorgessi di cosa avevo attorno a me, e così, tra mafia, inciviltà e immondizia, in Sicilia non ho mai trovato la mia dimensione. Compiuti i venti anni, ho cominciato ad appassionarmi alla montagna, mi sono iscritto ad un corso d'arrampicata su roccia e cominciato a scalare. La mia vita improvvisamente è cambiata, nel mio tempo libero non facevo altro che arrampicare. Per inseguire i miei sogni, compiuti i 22 anni, mi sono trasferito in Trentino. In questa terra incredibilmente bella mi sono subito trovato benissimo, attorno a me avevo finalmente le montagne che tanto sognavo, e con i trentini c'è stato fin dall'inizio un gran feeling. Per la prima volta nella mia vita mi sono sentito veramente a casa."

Svolge un'attività di alto livello, alla quale si prepara con allenamenti intensi e scrupolosi. Quello che ci è piaciuto di lui e dei suoi racconti è che non appare un "performer" e nemmeno un "agonista", anche se la "fame" che traspare da certe sue avventure a volte fa vacillare questa nostra convinzione. L'approccio di conoscenza storica delle vie che affronta e degli apritori che le hanno salite è un valore culturale che apprezziamo e che arricchisce le sue storie.
In ogni caso, al di là delle nostre parole, lui così si racconta.

"Nel mio tempo libero cerco di prepararmi al meglio per i miei progetti, naturalmente scalando in falesia e facendo dry-tooling con le piccozze, ma cerco anche di curare molto la parte aerobica.
A secondo della stagione, alterno all'arrampicata, la corsa, la bici e lo scialpinismo, ogni tanto non disdegno partecipare a qualche gara di scialpinismo o una skyrace. Pur non avendo alcun interesse competitivo (la competitività non è proprio parte di me), le considero una fondamentale componente dell'allenamento.
Lo scialpinismo tra le stupende guglie dolomitiche è l'allenamento aerobico che più mi appaga.
D'inverno il gruppo del Brenta è il mio posto preferito dove praticarlo.
"

Scritti pubblicati e collaborazioni:

Scritti pubblicati e collaborazioni:

Titolo Categoria Tema Data Commenti
Due nuove linee di misto sul monte FopNEWIceAlpinismo13/03/2024
Traversata dal Dente del Gigante alla Punta WalkerIceAlpinismo05/10/2023
Parete Nord dell'Ortles da SoldaIceAlpinismo16/06/2023
Grandes Jorasses Parete Sud: Via Phantom DirecteIceAlpinismo19/02/2022di A. Esposito
Trovando l'Alchimia in CivettaIceAlpinismo03/06/2021
Sente omeni o giachete?IceAlpinismo14/04/2021
Cima Busazza (Presena) - Via Sogni e incubiIceAlpinismo24/12/2020
Spiz d'Agner Nord - Gran Diedro Castiglioni/DetassisRockAlpinismo23/09/2020
Crozzon di Brenta - Lisa dagli Occhi BluIceAlpinismo21/01/2020
Via Messner-Renzler (Sudtirolerweg) alla parete Sud della MarmoladaRock NotesAlpinismo19/09/2018
Concatenamento scialpinistico dei 3.000 del Civetta (2)Ski & SnowAlpinismo10/05/2018
Concatenamento scialpinistico dei 3.000 del CivettaSki & SnowAlpinismo02/05/2018